Trasportavano volatili protetti: due denunciati a Brescia

Due trasportatori di Pisa sono stati denunciati dal Gruppo carabinieri forestali di Vicenza all’autorità giudiziaria di Brescia per maltrattamento di animali, ricettazione, contraffazione di sigilli e uso abusivo di sigilli.

All’interno dell’auto degli indagati, i militari hanno rinvenuto 4 trasportini in legno, formati ognuno da 35 piccolissimi scomparti, nei quali si trovavano 100 cesene e 26 tordi. È stato anche recuperato un’agendina contenente i prezzi dei singoli per un ammontare complessivo di 9.360 euro.

Riporta Fanpage: “Gli uccelli, probabilmente provenienti da un traffico internazionale tra Francia e Italia, erano stati crudelmente rinchiusi in spazi angusti per un lungo periodo di tempo, senza cibo né acqua e privati della possibilità anche solo di spiegare e aprire le ali ed effettuare qualsiasi tipo di movimento. Inoltre, la visita di un veterinario ha consentito di appurare che gli animali erano stati in precedenza sottoposti alla cosiddetta operazione di “sessaggio”: erano cioè stati incisi ad altezza del ventre per individuarne il sesso, mediante l’utilizzo di una colla ciano acrilica. Tale crudele operazione è finalizzata a individuare e distinguere gli esemplari maschi dalle femmine: per queste ultime, che solitamente non vengono commercializzate, il destino è quello di essere uccise. Gli uccellini, sequestrati, sono stati consegnati al Centro recupero animali “Il Pettirosso” di Modena per il loro recupero fisico.”

Tutti gli esemplari sono stati prontamente consegnati al Centro recupero animali “Il Pettirosso” di Modena per il loro recupero fisico.