Torino, dimentica la moglie durante una sosta: se ne accorge dopo 40 km

Dimentica la moglie e se ne accorge dopo 40 chilometri: è accaduto ad un motociclista di 59 anni, torinese.

Ha telefonato ai carabinieri perchè, durante un giro in moto, si è accorto di aver perso la moglie. Il 59enne l’aveva lasciata a terra a Moncalvo d’Asti, a 40 km da Chieri, dove si è accorto di essere solo.

A rassicurare il marito in lacrime, disperato per le sorti della 58enne che aveva lasciato il cellulare nel bauletto della due ruote, è stata la stessa donna, che si è fatta prestare il cellulare da un passante.

“Ho perso mia moglie, deve essere caduta dalla moto mentre viaggiavamo”. L’uomo – secondo Repubblica – dice di trovarsi a Chieri in piazza Europa dove si è fermato quando si è accorto che sul sellino posteriore della moto non c’era più la moglie di 58 anni. “Non posso chiamarla, il suo cellulare è rimasto nel bauletto della moto, aiutatemi”, ha implorato i carabinieri della compagnia di Chieri che  hanno ricostruito con il motociclista il tragitto appena fatto per coordinare le ricerche.

Non è stato necessario perché l’uomo ha ricevuto una telefonata da un numero sconosciuto: era la moglie che si era fatta prestare un cellulare e lo ha chiamato. “Sei ripartito senza di me. Mi hai lasciato a Moncalvo d’Asti”, gli ha spiegato in una telefonata che potrebbe essere stata ben poco pacata nei toni.

La donna dunque non era caduta ma è stata “dimenticata”. E il marito preoccupato e distratto ha tirato un sospiro di sollievo, almeno fino a quando non ha incontrato la consorte che aveva abbandonato a 40 chilometri di distanza senza nemmeno accorgersene.