Timothy Ray Brown: l’uomo che ha sconfitto l’Hiv

Timothy Ray Brown è l’unica persona al mondo ad aver sconfitto la terribilissima malattia, come ha fatto?

Sembra assurdo, invece è proprio vero. Timothy Ray Brown è l’unica persona al mondo ad aver sconfitto la terribilissima malattia. Era il 1995 quando lo statunitense venne rilevato positivo alla malattia denominata con il nome di Hiv. In quel momento si trovava in Germania (per la precisione a Berlino) per completare i suoi studi. Il peggio sembrerebbe essere già arrivato, ma nella burrascosa vita di Timothy, qualcosa doveva ancora palesarsi.

La leucemia che Timothy Ray Brown non si aspettava

Diversi anni dopo, al “paziente di Berlino” (così è stato soprannominato) fu diagnosticato una grave forma di leucemia mieloide acuta. Questa terribilissima malattia attacca l’organismo dall’interno (indebolendo il sistema immunitario). La malattia sostituisce i globuli rossi e bianchi con delle cellule “impazzite“. Timothy venne sottoposto ad un lunghissimo ciclo di chemioterapia; il quadro clinico del paziente (compromesso già dalla sieropositività) è stato ulteriormente appesantito dal lungo ciclo di cure oncologiche per debellare (almeno) la leucemia. I risultati però non diedero i risultati sperati: la malattia stava progredendo e il sistema immunitario (già minato dall’Hiv e dai farmaci antiretrovirali) stava portando il povero cittadino statunitense alla bara. Tutto stava volgendo al termine. Questo è quello che avrebbe pensato chiunque (medici e paziente compresi). Però dovete sapere che a me non piace scrivere storie brutte dal finale ancora più drammatico.

Dal trapianto di midollo alla guarigione dall’Hiv

Com’è possibile una cosa del genere? Da quel fatidico 2007 se lo sta chiedendo tutto il mondo. A seguito dei fallimenti (riguardanti i precedenti trattamenti), al paziente di Berlino venne proposto come “ultima spiaggia” il trapianto di midollo osseo. Badate bene però! Non è stato un trapianto qualsiasi. Nel 2007, il signor Timothy Ray Brown fu sottoposto al trapianto di midollo da parte di un donatore con una mutazione del recettore CCR5. I soggetti con questa mutazione genetica risultano più resistenti ai ceppi di HIV (ripeto, resistenti e non immuni). Con incredibile stupore (però), l’operazione guidata dal dottor Gero Hutter ebbe degli esiti a dir poco incredibili. Il paziente non solo è riuscito a guarire dalla leucemia; le tracce del virus Hiv nel sangue sono risultate (addirittura) inesistenti; in altre parole :Timothy Ray Brown non ha più avuto bisogno dei farmaci antiretrovirali (e di conseguenza è risultato guarito).

L’eredità dell’ex paziente di Berlino

Nel luglio del 2012, il paziente di Berlino ha creato la fondazione Timothy Ray Brown a Washington (per la lotta all’HIV). La sua storia è davvero incredibile; quasi si stenta a credere. A distanza di 10 anni, ancora nessuno sa di preciso cosa è successo; il trapianto di midollo osseo potrebbe non essere stata la causa principale della guarigione. Attraverso un esperimento condotto dall’immunologo Guido Silvestri (di recente) si è cercato di arrivare alla panacea contro il terribile male dell’ultimo secolo. L’esperimento condotto sulle scimmie ha avuto degli esiti incoraggianti, ma la strada è ancora lunga.

L’eredità del signor Brown non è stata ancora raccolta dalla comunità scientifica. Quando otterremo la cura per l’Hiv?