Tentato furto in azienda, il proprietario prova a fermare i ladri: aggredito

I Carabinieri della compagnia di Latina sono intervenuti in zona Prato Cesarino a Cisterna, dove due individui si erano introdotti in un’azienda. Si tratta di due giovani di etnia rom, H.S. 14 enne e H.S. 23 enne, entrambi gravati da precedenti di polizia, domiciliati in via del sughereto nel Comune di Aprilia, sorpresi dal proprietario di un podere agricolo, mentre stavano rubando circa 20 quintali di materiale ferroso e varie attrezzature agricole, caricandole su un furgone.

Avevano fatto irruzione in un fondo agricolo, stavano andando via con un carico di materiale ferroso e attrezzature ma il proprietario dell’azienda, svegliato dai rumori, ha sbarrato loro la strada. Lo hanno aggredito e poi hanno provato a fuggire, ma nel frattempo sono arrivati i carabinieri che li hanno arrestati.

Il proprietario ha tentato di sbarrare la via di fuga dei due giovani, utilizzando il proprio automezzo, scatenando così la loro reazione violenta. L’immediato sopraggiungere dei militari dell’Arma, consentiva di bloccare e trarre in arresto i rapinatori, evitando che la vittima, colpita da calci e strattonata energicamente, potesse riportare ulteriori e più gravi conseguenze, recuperando altresì l’intera refurtiva, riconsegnata.

Gli arrestati sono stati associati, rispettivamente, presso la locale casa circondariale di Latina e centro prima accoglienza minori di Roma.

L’abitazione della vittima è nella stessa azienda agricola presa di mira, se non fossero giunti i militari l’uomo sarebbe stato pestato a sangue, visto che lo stavano già prendendo a calci e pugni.

Fonti: ilmessaggero, CAFFETV