“Scomunica a mafiosi e corrotti?”: la replica di Giulia Bongiorno alla proposta vaticana

“Corrotti e mafiosi? Scomunica subito, fuori dalla Chiesa”. Monsignor Galantino lancia la sfida, Giulia Bongiorno la raccoglie. L’avvocato dice la sua al riguardo della proposta vaticana in un’intervista a Il Messaggero.

Da: Libero

“Corruzione e mafia reati abominevoli, ma la scomunica su cosa si basa – s’interroga prima su Twitter -? Sulle sentenze definitive? Giustizia umana non è giustizia divina”.

Dunque, al quotidiano capitolino spiega meglio il suo pensiero: “Perché tanti dubbi? Il messaggio diffuso è ampiamente condivisibile, perché è contro l’ambiguità di chi vuole vivere due vite diverse, da cattolico e da mafioso o corrotto. La corruzione è un reato che pregiudica il principio sacrosanto del merito, e penalizza gli umili, quindi è giusto che la chiesa li protegga. Il dubbio nasce sul fatto che il Papa focalizzi l’attenzione solo su questi due reati, pensando a un vademecum con delle regole che permetteranno di applicare la scomunica di volta in volta, o forse si farà un decreto. Perché – sottolinea la Bongiorno – allora non inserire anche la pedofilia e il femminicidio?“. Dubbi, in effetti, più che legittimi.