Renzi annuncia querela contro Di Maio: “Rinunci all’immunità e risponda in tribunale”

Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, durante la due giorni ''Italia5stelle'' all'autodromo di Imola (Bologna), 18 ottobre 2015. ANSA/ MARCO ISOLA

Il segretario del Pd Matteo Renzi annuncia querela nei confronti del capo politico del MoVimento 5 Stelle Luigi Di Maio e provoca il candidato alla presidenza del Consiglio del M5s: “Se Di Maio è un uomo risponderà in tribunale di quello che ha detto del Pd. Non ha mai rinunciato all’immunità parlamentare in questa legislatura. Se è un uomo ne risponderà in tribunale per aver detto che prendiamo voti mafiosi e rinuncerà all’immunità”.

Secondo Renzi la reazione di Di Maio “tradisce una paura, di non essere sicuramente il primo gruppo politico in Parlamento: c’è un nervosismo di fondo tra le loro fila. Questo nervosismo, come al solito, trova il suo naturale sbocco nella frase ‘loro hanno gli impresentabili’. È abbastanza simpatica perché lui non si presenta mai ai confronti, è il primo implementato”. Poi il segretario del Pd torna sul caso di Dessì, il candidato nel Lazio per cui lo stesso Di Maio ha deciso di far ritirare (solo simbolicamente) la candidatura: “Tutte le volte il capo politico del M5s mette al centro il Pd, ma poi scopriamo che nel Lazio 2 il M5s manda in Parlamento uno che loro definiscono impresentabile e cercano di sbianchettarlo dalle foto, perché è sul palco con Grillo o guancia a guancia con la Raggi”.

Chiusura della campagna elettorale in cento piazze

Renzi ha partecipato oggi alla presentazione dei candidati del Pd alle elezioni, avvenuta al teatro Eliseo di Roma, e ha parlato anche degli obiettivi elettorali, dicendosi sicuro che il M5s non sarà il primo gruppo parlamentare. “Ci manca un nonnulla per essere il primo partito in questo Paese – aggiunge parlando ai candidati -. In questi 27 giorni divertitevi e gustateveli”.

Renzi annuncia dal palco dell’Eliseo che la campagna elettorale verrà chiusa in piazza, nello specifico in cento piazze italiane o, ancora meglio, in una piazza per ogni collegio elettorale, se possibile. E lui sarà a Firenze, il collegio nel cui è candidato nell’uninominale. Secondo Renzi, comunque, recuperando 2-3 punti rispetto agli attuali sondaggi il 60% dei collegi diventa contendibile.

Fonte: Fanpage