Razzi: “Ho ricevuto una lettera di Kim Jong-Un. Lavoro per la pace con Trump ma nessuno mi ascolta”

Il senatore Antonio Razzi ha dichiarato di aver ricevuto una missiva dal leader nordcoreano Kim Jong-un. Lo ha annunciato oggi, ospite della trasmissione di Radio1 “Un giorno da Pecora”. “Questa lettera mi è stata portata dall’ambasciatore coreano in Italia, che mi ha chiamato per dirmi che aveva questa cosa molto importante da consegnarmi. Una lettera che lui ha definito del ‘nostro Maresciallo’, il modo in cui chiamano Kim”. E lei cosa ha risposto? “Io alle 17.30 ho il pullman per Pescara che mi parte, quindi devo riceverla entro quell’ora. Gli ho detto: non posso venire a prenderla in Ambasciata, portatemela qui”. Benissimo. E gliela hanno portata? “Si, è in inglese ma sapendo che mia moglie è spagnola, me l’hanno tradotta anche in questa lingua”, ha risposto, spiegando che il leader di Pyongyang ha usato parole forti per apostrofare il suo acerrimo nemico Donald Trump.

Razzi mostra anche il testo: “Dentro ci sono accuse a Trump. Si accusano a vicenda senza nemmeno sedersi al tavolo, senza guardarsi negli occhi. Ma non va bene. Ecco perché mi sono messo a disposizione per farli dialogare. Ma nessuno mi ascolta”. Lo riporta “ilfattoquotidiano.it