Home Notizie Poliziotto spara a un nomade in fuga: gli chiedono un milione di danni

Poliziotto spara a un nomade in fuga: gli chiedono un milione di danni

0
Poliziotto spara a un nomade in fuga: gli chiedono un milione di danni

Un anno di carcere al poliziotto per aver sparato a un nomade in fuga, sedici mesi per il giovane rimasto ferito, accusato di resistenza a pubblico ufficiale e furto.

Sono le richieste del viceprocuratore onorario Ester Kappelmayr per Andrea C. (difeso dall’avvocato Gigliola Rubano), 42 anni, assistente capo di polizia, e Megaiver Sulejmanovic (difeso dall’avvocato Domenico Peila), 24 anni, ferito alla schiena la sera del 15 dicembre 2013, all’uscita dal distributore di benzina Tamoil in corso Unione Sovietica, poco distante dalla tangenziale. Il giudice Paola Odilia Meroni ha rinviato l’udienza al 14 dicembre, per le repliche della procura e per la sentenza.

Il difensore di Sulejmanovic ha consegnato al giudice Meroni la richiesta di risarcimento: 176 mila per il danno morale e 800 mila per il danno biologico, calcolato in base alle tabelle del tribunale di Milano (aggiornate al 2014), considerato il 65 per cento di invalidità permanente, che costringe il giovane ad andare in giro con le stampelle.

«Una richiesta non pertinente, dato che l’imputato è disoccupato, non è regolare sul territorio e stava commettendo un reato», ha detto in aula l’avvocato dello Stato, che rappresenta il ministero dell’Interno.

Fonte: La Stampa