Nel lavoro ci superano perfino Sierra Leone e Zimbabwe

Leggiamo su Libero Quotidiano in edicola oggi:

“Nonostante l’impatto positivo del Jobs Act, il mercato del lavoro italiano resta ultimo per efficienza tra i 28 membri dell’Unione europea e 116esimo sui 137 censiti nel mondo nel rapporto annuale del World Economic Forum.

Pur guadagnando nell’ultimo anno 3 posizioni nella graduatoria internazionale, in termini di efficienza ed efficacia il nostro mercato del lavoro colloca addirittura dietro a quello di Paesi come Sierra Leone, Zimbabwe e Isola di Capo Verde. Lo rivela un’elaborazione del Centro Studi Impresa Lavoro sulla base dei dati contenuti nel ponderoso «The Global Competitiveness Report 2017».

Restiamo addirittura al 131esimo posto al mondo per flessibilità nella determinazione dei salari. A prevalere è ancora la contrattazione centralizzata”.