Home Notizie Migranti, ecco la nave anti-Ong di Generazione Identitaria

Migranti, ecco la nave anti-Ong di Generazione Identitaria

0
Migranti, ecco la nave anti-Ong di Generazione Identitaria
Fonte: Ilgiornale.it

Ecco la nave che bloccherà le Ong dei migranti. E’ bianca e rossa, lunga 30 metri, può rimanere in mare per un mese di fila e vuole diventare il peggiore incubo delle Ong nel Mar Mediterraneo.

L’imbarcazione servirà a Generazione Identitaria per salpare verso le coste libiche e mettere i bastoni tra le ruote alle organizzazioni umanitarie “che traghettano migranti verso l’Italia”.

A dare la notizia in esclusiva è ilGiornale.it, che scrive: “La nave patriottica, di cui ilGiornale.it può mostrarvi la foto in esclusiva (guarda la foto), è ormeggiata lontano dal Mare Nostum, ma entro luglio sarà pronta per portare gli attivisti di Generazione Identitaria alla ricerca di barconi carichi di immigrati da riportare in Libia. Lunga 30 metri, dotata di un capitano e un equipaggio professionista, può rimanere in mare per 30 giorni di fila. Il costo è notevole: solo per portarla nel Mediterraneo serviranno 60mila euro, la cifra che fino ad ora GI è riuscita a mettere insieme con la raccolta fondi intitolata Defend Europe e attiva da maggio.

La storia inizia due mesi fa, quando un gruppo di ragazzi (tedeschi, austriaci, italiani e canadesi) va a Catania e a bordo di una piccola imbarcazione riesce a bloccare in porto per qualche minuto la nave Aquarius della Ong Sos Mediterranée.

La raccolta fondi non è stata così semplice: “È solo un primo assaggio. Il blitz, infatti, deve solo dare il via ad una campagna ben più ambiziosa. La colletta parte col botto: in poche settimane migliaia di cittadini di tutta l’Ue donano oltre 60mila euro. Poi iniziano i problemi.

Prima PayPal, su pressione dei gruppi antagonisti e della sinisttra internazionale, chiude il conto con cui GI stava raccogliendo i soldi. La sezione italiana di GI apre allora una nuova piattaforma su PostePay: nemmeno due giorni e lo cancellano. A quanto pare, se la colletta è di destra, non è gradita a lorsignori. Tanto che nei giorni scorsi il sistema bancario mette i sigilli anche alla carta della sezione francese e a quella personale di Martin Sellner, responsabile della missione insieme a Lorenzo Fiato“.

“Abbiamo appena lanciato una nuova piattaforma di donazione attraverso i Bitcoin – spiega Fiato – per raccogliere altri 80mila euro che ci serviranno a coprire i costi almeno due missioni in mare”. In molti hanno già chiesto di poter far parte della spedizione che partirà a luglio. “Abbiamo ricevuto candidature da fotografi, marinai, capitani, esperti di sicurezza e tanti altri. Soprattutto persone esterne a Generazione Identitaria”.

La nave identitaria sarà equipaggiata per mettere in sicurezza i migranti alla deriva. Una volta avvistato un barcone, i militanti di GI lavoreranno per salvare vite umane (come fanno le Ong), ma poi riporteranno gli immigrati in Libia. Invece che in Italia. Un modo, dicono, per fermare il “grande business” che ruota attorno ai flussi migratori.

Tutto è pronto. Come si chiama l’imbarcazione? “Non posso dirlo – spiega Fiato – I collettivi di sinistra vogliono rintracciare la barca per bloccarla e impedire di partire. Per ora dobbiamo tenere segreti nome, porto e rotta”. Non ci sarà da attendere molto.