De Magistris contro Saviano, insulti e schiaffi: “Il tuo impero sulla pelle di Napoli”

“Vuoi vedere, caro Saviano, che ti stai costruendo un impero sulla pelle di Napoli e dei napoletani? Stai facendo ricchezza sulle nostre fatiche, sulle nostre sofferenze, sulle nostre lotte. Che tristezza”. Così in un post su Facebook il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. attacca direttamente Roberto Saviano. L’autore di Gomorra ha criticato De Magistris e la sua narrazione della “nuova Napoli”, puntando il dito contro l’alto tasso di illegalità e criminalità che domina nelle strade, nei vicoli e nelle piazze di Napoli.

“Non voglio crederci – è la replica del sindaco ex pm -. Voglio ancora pensare che, in fondo, non conosci Napoli, forse non l’hai mai conosciuta, mi sembra evidente che non la ami. La giudichi, la detesti tanto, ma davvero non la conosci. Un intellettuale vero ed onesto conosce, apprende, studia, prima di parlare e di scrivere. Ed allora, caro Saviano, vivila una volta per tutte Napoli, non avere paura. Abbi coraggio. Mescolati nei vicoli insieme alla gente, come cantava Pino Daniele. Nella mia vita mi sono ispirato al magistrato Paolo Borsellino al quale chiesero perché fosse rimasto a Palermo, ed egli pur sapendo di essere in pericolo rispose che Palermo non gli piaceva e per questo era rimasto, per cambiarla”.

Quello di De Magistris a Saviano è uno schiaffo morale: “Chi davvero, e non a chiacchiere, lotta contro mafie e corruzione viene dal Sistema fatto fuori professionalmente ed in alcuni casi anche fisicamente – aggiunge de Magistris -. Caro Saviano
tu sei un caso all’incontrario. Più racconti che la camorra è invincibile e che Napoli è senza speranza e più hai successo e
acquisisci ricchezza. Caro Saviano ti devi rassegnare: Napoli è cambiata, fortissimo è l’orgoglio partenopeo. La voglia di riscatto contagia ormai quasi tutti. Caro Saviano non speculare più sulla nostra pelle. Sporcati le mani di fatica vera. Vieni qui, mischiati insieme a noi”.

Durissima la replica dello scrittore: “De Magistris è un populista, per il sindaco di Napoli il problema non sono i killer che sparano, ma io che ne parlo”. “Quel che è certo, sindaco De Magistris, è che quando le mistificazioni della sua amministrazione verranno al pettine, a pugnalarla saranno i tanti lacchè, più o meno pagati, dei quali si circonda per edulcorare la realtà, unico modo per evitare di affrontarla”.

Fonte: Libero