Cosa c’è nella bozza del contratto M5S-Lega

(ANSA) Nuovo incontro in mattinata tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini alla Camera. Con loro c’erano anche Giancarlo Giorgetti e Vincenzo Spadafora. “Penso che in serata chiudiamo il contratto. Sul premier stiamo ancora ragionando, non è chiusa ancora”, ha spiegato il leader del M5s, il quale ha in seguito specificato che “domani il contratto sarà messo al voto online degli iscritti“. “Sono stati sciolti tutti i nodi” sul contratto e “nei prossimi giorni scioglieremo quello sul premier”, ha spiegato Di Maio, confermando, anche, che nel contratto ci sarà il conflitto di interessi.

“Non commentiamo sulle politiche dei partiti o processi di formazione dei governi, ma quello che enfatizziamo in ogni caso è che è importante attenersi alla disciplina di bilancio, e specialmente per l’Italia continuare a ridurre il deficit e il debito perché fattori di rischio“, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis al Parlamento Ue. “Stiamo discutendo con le autorità italiane la traiettoria dei conti e in realtà questo è un messaggio anche per il nuovo Governo: è importante restare nei binari”, ha concluso.

QUI PUOI LEGGERE IL CONTRATTO PER IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO (PDF)

“Sono come sempre a disposizione di M5s e Di Maio”, ha detto Emilio Carelli, da più parti indicato nella rosa dei nomi come possibile premier, neodeputato 5Stelle, giornalista, ex di Sky e Mediaset.

Resta la tensione sui mercati. Prosegue l’incertezza in Piazza Affari, che dopo l’avvio di Wall Street oscilla attorno alla parità (indice Ftse Mib -0,1%), facendo un po’ peggio delle altre Borse europee. Parigi e Francoforte guadagnano infatti mezzo punto percentuale, Londra lo 0,3%. Lo spread tra il Btp e il Bund viaggia in calo dopo aver sfiorato i 160 punti base. Il differenziale di rendimento segna 151 punti base col tasso sul decennale del Tesoro al 2,13%.