Home Notizie Abusò di 13 bambini mentre lavorava in una casa di cura: prete condannato a 12 anni

Abusò di 13 bambini mentre lavorava in una casa di cura: prete condannato a 12 anni

0
Abusò di 13 bambini mentre lavorava in una casa di cura: prete condannato a 12 anni

Condanna a dodici anni di carcere per un prete cattolico che ha commesso ventisette aggressioni a danno di tredici bambini mentre lavorava in una casa di cura negli anni 70. Philip Temple, sessantasei anni, ha molestato sessualmente una serie di ragazzini e una ragzzina che si trovavano sotto la sua custodia, tra il 1971 e il 1977, nei quartieri londinesi di Lambeth and Wandsworth. L’uomo ha poi cambiato vita, ed è diventato un prete, in serivizio al monastero del Cristo Re, dove ha abusato di due bambini. Temple, che risulta essere senza fissa dimora, è stato dichiarato colpevole per ventisette capi d’imputazione riguardanti violenze sessuali commesse in passato. Ha ammesso solo due accuse di falsa testimonianza, nel corso di due preocessi: nel 1998 e nel 1999.

Il giudice Christopher Hehir ha dichiarato che il fatto che Temple sia diventato un prete cattolico è da considerare un “fattore aggravante”. Condannando il sessantaseienne davanti alla Woolwich Crown Court, ha spiegato che le violenze si sono verificate in “due distinte fasi” della sua vita: quando lavorava in tre case di cura tra il 1971 e il 1977, e tra il 1993 e il 1999, dopo la sua ordinazione come prete.

“Hai ovviamente sfruttato le opportunità che il tuo ruolo ti aveva offerto, non solo abusando sessualmente dei bambini, ma, da prete hai mentito sotto giuramento negando accuse vere portate contro di te da una delle tue vittime”, ha dichiarato in udienza il giudice rivolto a Temple. Secondo la corte, le azioni commesse da sacerdote dimostrano che in realtà l’accusato è “un lupo vestito da pastore”. Il rimorso di Temple è arrivato, secondo il giudice, “troppo, troppo tardi per tutti coloro che hanno sofferto a causa sua”. L’ex prete non ha reagito alla pronuncia della sentenza.

Fonte: Fanpage